SeizaIl modo di sedersi sulle ginocchia in giapponese viene chiamato “seiza”.
In molte arti del Budo il seiza viene usato come metodo per rafforzare lo spirito del budoka e preparare il praticante col giusto atteggiamento all’allenamento della vita.

Esiste anche un altro metodo per sedersi, per la verità usato pochissimo, e viene chiamato “anza”, cioè con le gambe incrociate.
Nel seiza è importante stare più rilassati possibile, cercando di ammorbidire le spalle e i glutei, la spina dorsale dovrebbe seguire la sua linea naturale di S.

La respirazione va mantenuta bassa, la testa dritta le orecchie allineate con le spalle e il naso con il centro dello stomaco: si dice che il mento deve essere a piombo con l’ombellico.

Gli occhi vanno tenuti semichiusi e lo sguardo circa un metro davanti a noi, la lingua sul palato per non sentire il bisogno di deglutire.

Una giusta postura del seiza indica un buon equilibrio psicofisico il quale si rende necessario per potere praticare efficacemente un’ arte marziale.

La coordinazione tra la mente e il corpo è un presupposto fondamentale per fare diventare la postura robusta e istintiva, nessun turbamento deve modificare in nessun modo lo zashin del seiza.